Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Comunicato stampa

Data: venerdì 14 novembre 2014, ore 14:00


Piene in Ticino: dopo un lieve miglioramento, per domani è previsto un nuovo aumento dei livelli dei laghi

Dopo l’affievolirsi delle precipitazioni giovedì e venerdì, i livelli dei laghi nel Canton Ticino sono lievemente calati. Le nuove precipitazioni attese a partire da venerdì sera comporteranno un altro aumento dei livelli fino a domenica. Il pericolo rimane elevato sia per il Lago Maggiore che per il Lago di Lugano. Ci si attende un miglioramento della situazione a partire da domenica sera. Gli uffici federali e le autorità cantonali competenti monitorano la situazione. Occorre seguire le istruzioni delle autorità locali.

Previsioni MeteoSvizzera - Situazione al Sud delle Alpi

Una nuova situazione si sbarramento sul versante sudalpino causerà un periodo di circa 24 ore di precipitazioni intense. Le precipitazioni inizieranno deboli venerdì sera, poi si intensificheranno nella notte. La parte principale della perturbazione si allonanerà verso est durante la notte successiva. Il limite delle nevicate sarà attorno ai 1800 m, per scendere a 1000 - 1400 m nelle ultime ore dell'evento (da sabato sera). Quantitativi previsti: 70-100 mm distribuiti abbastanza uniformemente. I valori di soglia per la pioggia saranno verosimilmente raggiunti solo localmente. Un'allerta è tuttavia giustificata a causa delle allerte ancora in corso per le piene e per le condizioni del suolo, saturo dalle piogge degli scorsi giorni. Inoltre, le precipitazioni assumeranno a tratti carattere di rovescio con intensità localmente sostenute. Sopra i 1800 - 2000 metri sono attesi 70-100 cm di neve nuova.

 

I laghi sono a un livello simile a quello di giovedì

In seguito al miglioramento del tempo ieri giovedì e oggi venerdì, il livello del Lago Maggiore è sceso fino a mezzogiorno di oggi di oltre 15 centimetri secondo le informazioni dell’UFAM (Ufficio federale dell'ambiente), così come è sceso anche il livello del Lago di Lugano, anche se solo di 5 centimetri e quindi in misura molto meno marcata. Ciononostante i livelli dei due laghi rimangono molto elevatoi. Il Lago di Lugano è, al momento, di poco sotto il grado di pericolo 5 (pericolo molto forte). Tenuto conto delle precipitazioni previste, i livelli dei due laghi saliranno di nuovo a partire da venerdì sera, con il Lago Maggiore che nella notte su domenica dovrebbe raggiungere il livello massimo di giovedì. Il Lago di Lugano, per contro, raggiungerà nel corso di sabato presumibilmente il grado di pericolo 5 (271,65 m), superando in tal modo di alcuni centimetri il picco raggiunto giovedì.

Il pericolo di piene nei fiumi maggiori rimarrà invece a un livello debole. A partire da venerdì si assisterà a un aumento dei livelli dei fiumi, ma i fiumi maggiori come la Maggia e il Ticino rimarranno presumibilmente di poco al di sotto del grado di pericolo 2. Un’eccezione è costituita dal fiume Tresa, la cui portata sarà elevata per far defluire acqua dal Lago di Lugano. Per i fiumi minori sono possibili picchi di portata elevati a causa dell’intensificazione temporanea delle precipitazioni. In seguito alle deboli precipitazione di domenica e lunedì, si prevedono alcuni giorni di tempo asciutto.

Non si escludono frane

Le precipitazioni previste per il fine settimana saranno meno intense rispetto a quelle delle scorse settimane. La stabilità dei pendii dovrebbe quindi aumentare ulteriormente; tuttavia, nella zona delle precipitazioni principali non possono ancora essere del tutto escluse frane spontanee. Un miglioramento generale della situazione è possibile soltanto a partire da martedì con periodo prolungato di tempo asciutto. Informazioni dettagliate e aggiornate sulla situazione del tempo nel corso del fine settimana sono pubblicati sul bollettino dei pericoli naturali della Confederazione.

 

 

Teaser