Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: giovedì 6 novembre 2014, ore 12:00
Prossima informazione: venerdì 7 novembre 2014, ore 12:00

Processo livello Zone interessate da a
Piena 4 Lago Maggiore 05.11.14, ore 18 09.11.14, ore 12
Piena 3 Lago di Lugano 05.11.14, ore 18 09.11.14, ore 12
Piena 2 Tresa 06.11.14, ore 12 09.11.14, ore 12

Allerte di piena in Ticino

I livelli del Lago Maggiore e del Lago di Lugano sono aumentati ulteriormente. Le allerte vengono mantenute per entrambi i laghi. Per la Tresa (emissario del Lago di Lugano) viene ora emanata un’allerta di grado 2. Le allerte sono revocate per gli altri corsi d’acqua del Ticino e delle regioni limitrofe.

Precipitazioni abbondanti al sud. Tempesta di favonio al Nord

Situazione attuale

L'attiva perturbazione che da martedì ha determinato il tempo della regione alpina ha portato da 180 a 250 mm di acqua nel Sottoceneri e nelle valli Mesolcina, Riviera, Leventina e Blenio, mentre nel Locarnese, Valle Maggia e Valle Verzasca i quantitativi caduti variano da 200 a 300 mm con punte di 400 mm nelle Centovalli e Valle Onsernone. La neve è inizialmente caduta solo sopra 2000 m, scendendo in seguito fin nella valli dell'Alto Ticino. In quota si sono accumulati 1-2 m di neve fresca.
Dalla regione del Gottardoalla Surselva fino alla valle di Safien in 72 ore sono caduti da 100 a 150 mm di acqua, nella regione del Reno posteriore fino 250 mm, Nelle regioni più a nord si sono avuti 20-50 mm. Il limite delle nevicate è sceso da 200 a fin sotto i 1000 metri.
Giovedì le correnti sudoccidentali in quota si indeboliranno e di conseguenza anche l'apporto di umidità. Fino a sabato la situazione sarà determinata da una temporane afascia di alta pressione, mentre da domenica le Alpi saranno di nuovo interessate da correnti miti e umide da sudovest, con un accumulo di precipitazioni soprattutto sul Ticino centrale e meridionale. 

Previsioni

Giovedì le precipitazioni si esauriranno progressivamente ovunque. Una debolissima perturbazione toccherà il nord delle Alpi nella notte tra venerdì e sabato. Sabato sarà ovunque asciutto mentre nella notte su domenica inizieranno nuove precipitazioni al sud. Quantitativi previsti per domenica e lunedì 10 e 20 mm nell'alto Ticino e da 20 a 40 mm nel Ticino centrale e meridionale, con punte locali fino a 50 mm. Il limite delle nevicate sarà situato attorno a 1800 metri.

 

 

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

Le portate degli affluenti del Lago Maggiore e del Lago di Lugano hanno raggiunto i loro livelli massimi mercoledì sera. Per alcuni corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni sono stati registrate portate del grado di pericolo 2 (pericolo moderato) o 3 (pericolo marcato), come per esempio la Magliasina. Le portate dei principali fiumi (Maggia e Ticino) sono rimaste al di sotto della soglia del grado di pericolo 2. Da giovedì mattina si osserva un calo diffuso dei livelli dei corsi d’acqua. Fa eccezione la Tresa, l’emissario del Lago di Lugano, le cui portate hanno raggiunto la fascia di pericolo 2 in seguito al marcato aumento del livello del lago.

Le elevate portate in entrata hanno causato un ulteriore aumento dei livelli del Lago Maggiore e del Lago di Lugano. Questi laghi si trovano attualmente nella fascia di pericolo 3.

 

Previsioni

La situazione delle portate è in continuo miglioramento nelle regioni interessate dall’allerta. Nei prossimi giorni non si attendono precipitazioni di rilievo. L’aumento delle portate dovuto allo scioglimento delle nevi dovrebbe essere limitato in quanto non è previsto un sensibile aumento delle temperature. Le allerte di piena per i corsi d’acqua del Ticino e delle regioni limitrofe sono quindi revocate. Solo per la Tresa viene emanata un’allerta di grado 2.

Nelle prossime ore, l’aumento dei livelli dei laghi registrerà un ulteriore rallentamento. Nella notte su venerdì i laghi raggiungeranno presumibilmente i loro livelli massimi. Il livello del Lago Maggiore rimarrà probabilmente appena al di sotto del grado di pericolo 4. Per il Lago di Lugano sono attesi livelli delle acque nella fascia di pericolo 3.

Poiché i suoli sono già saturi, le forti precipitazioni possono provocare smottamenti.

 

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Lago Maggiore - Locarno 4 195.40 - 195.50 m s. l. m. 06.11.14, 18:00 - 07.11.14, 06:00
Lago di Lugano - Melide 3 271.20 - 271.30 m s. l. m. 06.11.14, 18:00 - 07.11.14, 06:00
Tresa-Ponte Tresa 2 120 - 140 m³/s 06.11.14, 12:00 - 07.11.14, 06:00

Teaser