Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: venerdì 1 maggio 2015, ore 12:00
Prossima informazione: sabato 2 maggio 2015, ore 07:00

Processo livello Zone interessate da a
Piogge 4 Westliche Alpen und Chablais 01.05.15, ore 03 02.05.15, ore 06
Piogge 3 Alpi St. Gallesi e Appenzellesi, Altipiano svizzero centrale, Altipiano svizzero orientale, Giura occidentale, Nord del Vallese, Oberland Bernese, Svizzera nordoccidentale, versante nordalpino occidentale 01.05.15, ore 03 02.05.15, ore 06
Vento 3 Nordjura 01.05.15, ore 06 02.05.15, ore 00
Piena 2 Altopiano, Giura, Vallese, versante nordalpino 01.05.15, ore 12 04.05.15, ore 12
Piena 2 Aare a valle del lago di Bienne, Birs, Emme, Thur, alto Reno 01.05.15, ore 12 03.05.15, ore 12

Precipitazioni intense e persistenti e pericolo di piene al nord delle Alpi, venti tempestosi

A nord delle Alpi, da venerdì a mezzogiorno, sussiste un pericolo moderato di piene lungo l’Aare, il Reno, il Birs, la Thur come pure lungo fiumi di piccole e medie dimensioni.

Meteo

Situazione attuale

Una rapida corrente occidentale convoglia aria mite e umida verso il nostro paese provocando precipitazioni intense principalmente a nord delle Alpi. Contemporaneamente una depressione secondaria circola oggi a nord della Svizzera provocando sulle Alpi venti da forti a tempestosi dal settore occidentale.

Previsioni

Le piogge sono iniziate la scorsa notte sulla Svizzera romanda e si intensificheranno oggi, per poi cessare gradualmente sabato mattina. Sono attesi nelle regioni con grado di allerta 3 tra 50-80 e in quelle con grado 4, come il basso Vallese, tra 80-120 mm. Nelle Altre regioni a nord delle Alpi i quantitativi saranno tra 20-40 mm.  In montagna le precipitazioni saranno sensibilmente più intense che in pianura. Il limite delle nevicate si alzerà rapidamente fino a 2600 m.

I venti da sudovest si rafforzeranno nel corso di venerdì sulle regioni settentrionali, con raffiche attese fino a 90 km/h sull'Ajoe e il nord del Giura, per poi indebolirsi nettamente nella notte seguente.

Sabato è previsto un miglioramento del tempo, ma nuove precipitazioni, localmente anche sostenute, sono attese a partire dalla notte sulla domenica. Ulteriori 20 - 30 mm sono previsti entro domenica sera, con un limite delle nevicate fra 2500 e 2800 m.

Neve

Situazione attuale

Il limite dell’innevamento si colloca attualmente in una fascia compresa fra i 1500 e i 1800 m. Nella regione dell’Aar tale limite si situa attorno ai 1700 m, in quella della Reuss attorno ai 1600 m, in quella della Limmat attorno ai 1500 m, in quella del Reno alpino attorno ai 1600 m e in quella del Rodano attorno ai 1800 m. Come di consueto in questa stagione, le caratteristiche del manto nevoso presentano grandi differenze a seconda della regione e dell’esposizione, anche a minime distanze.

Previsioni

Oggi venerdì, nelle regioni dei fiumi Aar, Reuss, Limmat, Reno alpino e Rodano la neve si scioglierà fino a un’altitudine di 2500 m circa. A quote superiori sono previste diminuzioni ridotte dell’equivalente in acqua della neve, pari fino a circa 5-10 mm. Nella regione dell’Aar, in una fascia compresa fra i 1800 m e i 2200 m saranno probabili cali di circa 20 mm, con punte locali fino a 40-50 mm. Nella regione della Reuss, in una fascia compresa fra i 1700 m e i 2300 m saranno probabili cali di circa 20 mm, con punte locali fino a 30-40 mm. Nella regione della Limmat, in una fascia compresa fra i 1700 m e i 2200 m saranno probabili cali di circa 20-25 mm. Nella regione del Reno alpino, in una fascia compresa fra i 1700 m e i 2300 m saranno probabili cali dai 10 ai 20 mm circa, con punte locali fino a 20-30 mm. Nella regione del Rodano, in una fascia compresa fra i 1900 m e i 2400 m saranno probabili cali dai 10 ai 20 mm circa, con punte locali fino a 20-40 mm, soprattutto lungo il confine svizzero occidentale. 

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

I fiumi situati a nord delle Alpi hanno reagito alle precipitazioni cadute da giovedì sera e sono leggermente saliti.

Alcuni fiumi di piccole e medie dimensioni hanno fatto registrare portate elevate per la stagione. Fino a venerdì a mezzogiorno, tuttavia, nessun corso d’acqua ha raggiunto il grado di pericolo 2. I livelli delle acque dei laghi corrispondono in gran parte alle medie stagionali.

 

Previsioni

Le precipitazioni previste fino a sabato mattina causeranno un ulteriore aumento dei livelli dei corsi d’acqua del Giura, dell’Altipiano, delle Prealpi e del Vallese da venerdì a mezzogiorno a sabato a mezzogiorno. Gli aumenti maggiori delle portate sono attesi nei fiumi di piccole e medie dimensioni delle regioni menzionate. Tuttavia, anche i principali fiumi dell’Altipiano reagiranno in parte con forti aumenti delle portate. Secondo la valutazione attuale, gli aumenti maggiori delle portate sono previsti lungo la Emme, l’Aare a valle del Lago di Bienne, il Birs, la Thur e il Reno dal lago Bodanico a Basilea. Questi corsi d’acqua possono raggiungere entro sabato a mezzogiorno il grado di pericolo 2. I laghi reagiranno alle maggiori portate degli immissari con un aumento dei livelli delle loro acque, ma rimarranno comunque al di sotto del grado di pericolo 2.

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Aare-Brugg 2 750 - 850 m³/s 02.05.15, 00:00 - 12:00
Emme-Wiler 2 200 - 300 m³/s 02.05.15, 00:00 - 12:00
Rhein-Basel 2 2400 - 2800 m³/s 02.05.15, 06:00 - 18:00
Thur-Andelfingen 2 400 - 600 m³/s 02.05.15, 00:00 - 18:00

Teaser