Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: martedì 19 maggio 2015, ore 12:00
Prossima informazione: mercoledì 20 maggio 2015, ore 12:00

Processo livello Zone interessate da a
Piena 2 Grigioni 19.05.15, ore 00 21.05.15, ore 00
Piena 2 Aare a valle del lago di Bienne 19.05.15, ore 12 22.05.15, ore 12
Piena 2 Altipiano svizzero orientale, versante nordalpino centrale, versante nordalpino orientale 19.05.15, ore 12 24.05.15, ore 12

Allerta di piena a livello regionale per i Grigioni e parti della Svizzera centrale e orientale.

La situazione dei laghi ai piedi del Giura continua a normalizzarsi. Per il versante nordalpino centrale e orientale e l’Altipiano orientale e i Grigioni viene diramata un’allerta di piena a livello regionale.

Meteo

Situazione attuale

Martedì un fronte freddo avanza dall'ovest verso la Svizzera determinando tempo fresco e umido. Mercoledì si formerà un centro di bassa pressione sul Golfo di Genova, il quale condizionerà il tempo almeno fino a venerdì. In particolare nelle Prealpi e Alpi centro-orientali sono attese fino a venerdì delle precipitazioni consistenti.

Previsioni

Tra martedì mattina e venerdì mattina nelle Alpi e Prealpi centro-orientali sono attesi 60-100 mm con punte locali fino a 110 mm. Nella prima fase fino a mercoledì mattina le precipitazioni potranno avere un carattere temporalesco principalmente nei Grigioni, dove saranno possibili degli accumuli fino a 30-50 mm in poche ore.

Inizialmente il limite della neve si situa tra 2200 e 2500 m, nei Grigioni in parte fino a 2800 m. Entro martedì sera questo limite scenderà a 1800 m, nelle regioni a nordest, nel nord e centro dei Grigioni verso 2200 m e in Engadina ancora 2600 m. In seguito scenderà a 1000-1400 m per poi risalire lentamente a 1900 m durante la giornata di venerdì. Durante le fasi più intense, in particolare mercoledì e giovedì, localmente la neve potrà raggiungere il fondovalle. Da mercoledì mattina a venerdì mattina sopra i 1600 m sono possibili da 35 a 70 cm di neve fresca.   

I quantitativi di precipitazione previsti in tutte regioni sono al momento piuttosto incerti.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

Nei giorni scorsi la situazione dei laghi ai piedi del Giura si è ulteriormente normalizzata a seguito del persistere delle condizioni di tempo asciutto e della portata elevata in uscita dal lago di Bienne. Tutti e tre i laghi rientrano ora nella fascia di pericolo 1. La portata in uscita dal lago di Bienne continua a essere regolata a livello elevato, ma nel corso di martedì rientrerà nella fascia di pericolo 2. Per l’Aare permane pertanto il grado di pericolo 2 fino alla confluenza con l’Emme. A valle della confluenza con l’Emme fino a Murgenthal l’Aare torna nuovamente sotto la soglia di pericolo 2. Per questo tratto l’allerta vigente può quindi essere revocata. Le precipitazioni cadute lunedì hanno avuto uno scarso impatto sui livelli dei corsi d’acqua nel Ticino meridionale e in Engadina, che sono aumentati solo di poco.

Previsioni

In Ticino e soprattutto nei Grigioni può verificarsi un forte innalzamento dei corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni tra martedì pomeriggio e mercoledì sera. È stata pertanto diramata un’allerta di piena per i Grigioni. Entro mercoledì anche l‘Inn e il Reno alpino faranno registrare un aumento delle portate, ma in base alle previsioni attuali non raggiungeranno il grado di pericolo 2. Un aumento dei livelli è previsto anche per il lago Bodanico e il lago di Lugano.

A seguito delle precipitazioni previste, viene inoltre diramata un’allerta di piena a livello regionale per il versante nordalpino centrale e orientale e per l’Altipiano orientale.

Teaser