Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: mercoledì 20 maggio 2015, ore 12:00
Prossima informazione: venerdì 22 maggio 2015, ore 12:00

Processo livello Zone interessate da a
Piena 2 Grigioni 19.05.15, ore 00 21.05.15, ore 00
Piena 2 Altipiano svizzero orientale, versante nordalpino centrale, versante nordalpino orientale 19.05.15, ore 12 24.05.15, ore 12

Allerta di piena per alcune regioni della Svizzera centrale e orientale.

Allerta di piena in vigore per alcune regioni del versante nordalpino centrale e orientale e dell’Altipiano orientale; mercoledì sera, revoca dell’allerta per i Grigioni. Revoca dell’allerta per l’Aare a valle del lago di Bienne.

Meteo

Situazione attuale

Da martedì a mercoledì mattina sul versante nordalpino sono caduti 10-20 mm di pioggia, sull'Altopiano orientale e nel Vallese da 2 a 8 mm, sulla Svizzera occidentale 0-1 mm. Il limite delle nevicate si è abbassato nella notte fino a 1300 - 1600 m. In Ticino e nei Grigioni sono stati misurati 20-40, localmente fino a 50 mm, con un limite delle nevicate fra 1600 e 2000 m.

Previsioni

Fra mercoledì mattina e venerdì a mezzogiorno nelle Alpi e Prealpi centro-orientali inclusi i Grigioni sono attesi 60-90 mm con punte locali fino a 100 mm. Il limite delle nevicate scenderà nella notte sul giovedì finoi a 900 - 1200 m, nelle vallate, in caso di forti intensità, anche fino al fondovalle. Di conseguenza nelle Alpi e Prealpi, sopra i 1600 m, sono attesi 35-70 cm di neve nuova, localmente e ad alta quota anche di più.

Da giovedì sera l'aria in arrivo da nordest si farà un po' più mite, così che il limite delle nevicate salirà venerdì a 1400 - 1800 m. Sulle Alpi occidentali e le Prealpi i quantitativi attesi sono compresi fra 50 e 70 mm. A sud delle Alpi e nel Vallese, soprattutto giovedì, sono ancora possibili rovesci di una certa intensità.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

La portata in uscita dal lago di Bienne è tuttora regolata a un livello elevato, ma nel corso della giornata di mercoledì tornerà nel grado di pericolo 1. L’allerta per l’Aare fra il lago di Bienne e la confluenza con la Emme può quindi essere revocata.

A seguito delle precipitazioni cadute, i livelli dei corsi d’acqua e dei laghi delle regioni oggetto dell’allerta sono saliti nella notte su mercoledì. Il Reno dal lago Bodanico a Basilea ha registrato un aumento massiccio, ma non ha raggiunto il grado di pericolo 2. A causa delle elevate portate in entrata, il livello del lago di Lugano è salito ulteriormente e mercoledì mattina era 7 cm al di sotto della soglia del grado di pericolo 2.

Previsioni

L’allerta di piena per alcune regioni dei Grigioni è in vigore fino a mercoledì sera. A causa del limite delle nevicate in calo, questa non sarà prorogata. Nonostante il limite delle nevicate basso, i livelli dei corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni del versante nordalpino centrale e orientale nonché dell’Altipiano orientale possono salire in misura più marcata nei prossimi giorni. Anche le portate dei principali corsi d’acqua quali il Thur o il Reno dal lago Bodanico a Basilea possono temporaneamente salire in misura marcata nei prossimi giorni. Presumibilmente non raggiungeranno tuttavia il grado di pericolo 2. Livelli in aumento sono previsti anche per i laghi nelle regioni oggetto dell’allerta, in particolare per il lago Bodanico. Anche il livello del lago di Lugano salirà ulteriormente. Secondo le previsioni attuali, il grado di pericolo 2 non verrà seppur di poco raggiunto.

Teaser