Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: lunedì 15 giugno 2015, ore 12:00
Prossima informazione: martedì 16 giugno 2015, ore 12:00

Processo livello Zone interessate da a
Piena 2 Altopiano, versante nordalpino 14.06.15, ore 15 17.06.15, ore 12

Pericolo di piena persistente a nord delle Alpi

Sono possibili nuovi aumenti delle portate nei fiumi a nord delle Alpi in seguito alle precipitazioni previste fino a martedì a mezzogiorno.

Meteo

Situazione attuale

Aria umida e instabile staziona sulla regione nordalpina. Nel corso della giornata di ieri, in particolare durante la serata, si sono verificate precipitazioni temporalesche intense. Tra la Svizzera orientale e l'Altopiano centrale si sono registrati accumuli tra 40-70 mm, nella regione del lago Bodanico e nella regione di Bienne localmente anche superiori a 100 mm.

Previsioni

Nel corso della giornata di lunedì, a nord delle Alpi sono attese ulteriori 10 - 20 mm di precipitazioni, a tratti a carattere di rovescio e localmente di una certa intensità. Martedì una zona frontale si avvicina alla regione nordalpina intensificando le precipitazioni durante la prima parte della giornata. Dal pomeriggio in pianura si passerà a tempo asciutto. A nord delle Alpi sono previsti 10-30 mm, nella Svizzera orientale, nelle Prealpi centrali e occidentali tra 20 e 40 mm.

Mercoledì non sono più attese precipitazioni di rilievo.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

Le precipitazioni a carattere temporalesco cadute domenica mattina in Ticino e nell’Alto Vallese hanno fatto salire le portate dei corsi d’acqua, in parte in modo marcato. Nel corso superiore del Rodano e lungo la Saltina è stato raggiunto il grado di pericolo 2. Da domenica sera i livelli di questi due corsi d’acqua sono tuttavia in calo. L’allerta in vigore può quindi essere revocata per il Canton Ticino, l’Alto Vallese e il centro dei Grigioni. I temporali molto intensi a nord delle Alpi hanno fatto salire da domenica pomeriggio, in parte in modo marcato, soprattutto i livelli dei fiumi della Svizzera orientale. La regione più colpita è stato il bacino imbrifero della Thur. Il corso inferiore della Murg e il Rietholzbach nel corso superiore della Thur hanno raggiunto il grado di pericolo 2. Sono inoltre saliti i livelli dei maggiori fiumi dell’Altipiano come pure del Reno presso Basilea, senza tuttavia raggiungere il grado di pericolo 2.

Previsioni

A nord delle Alpi sono previste altre precipitazioni fino a martedì a mezzogiorno. Poiché i suoli sono saturi, improvvise piogge temporalesche intense possono provocare scoscendimenti ed esondazioni a livello locale. Non si può nemmeno escludere che corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni raggiungano a loro volta il grado di pericolo 2. Lunedì pomeriggio vi sarà un nuovo aumento dei livelli dei maggiori fiumi dell’Altipiano e del Reno dal lago Bodanico a Basilea. Secondo le stime attuali, le loro portate non raggiungeranno il grado di pericolo 2.

Teaser