Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: venerdì 14 agosto 2015, ore 12:00
Prossima informazione: lunedì 17 agosto 2015, ore 12:00

Processo livello Zone interessate da a
Piena 2 Vallese, versante nordalpino 14.08.15, ore 12 17.08.15, ore 12

Allerta di piene a livello regionale per il pendio nordalpino e il Vallese.

Da venerdì mattina a lunedì mattina aumenta il pericolo di piene a livello regionale al nord delle Alpi e in Vallese.

Meteo

Situazione attuale

Un canale depressionario fra il nord Atlantico e il Mediterraneo determina il tempo sulle nostre regioni. Correnti da sud-sudovest spingono aria umida e a poco a poco più fresca dal Mediterraneo occidentale alle Alpi. Fino a sabato la massa d'aria resta instabile e causa precipitazioni a carattere temporalesco soprattutto a sud delle Alpi.

Previsioni

Entro lunedì a mezzogiorno sul versante nordalpino, il Vallese e parte del Ticino sono attesi quantitativi di pioggia fra 60 e 100 mm. MeteoSvizzera ha perciò emesso un'allerta di grado 2 per il versante nordalpino e parte del Vallese; in Ticino e sul resto del Vallese le soglie di allerta non verranno verosimilmente raggiunte, se non localmente. Sul resto della Svizzera cadranno 10 - 40 mm di pioggia. Fino a sabato pomeriggio le precipitazioni saranno in buona parte a carattere di temporale, specialmente sul Ticino e le regioni confinanti. Localmente sono perciò possibili accumuli anche maggiori a quelli indicati.

Il limite delle nevicate si abbasserà da 3400 e 2500 metri a nord delle Alpi, sul Ticino ed il Vallese da 3500 a 3000.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

Al nord delle Alpi le portate sono al momento nettamente inferiori alla media. Numerosi corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni situati nell’Altipiano centrale e orientale presentano valori di magra. Nelle Alpi, i bacini imbriferi ghiacciati segnano tuttavia portate superiori alla media. Lungo la Massa, a causa del forte scioglimento dei ghiacciai, negli scorsi giorni sono state registrate portate nella fascia di pericolo 2.

Previsioni

I temporali e i rovesci previsti a partire da venerdì a mezzogiorno possono causare forti e repentini aumenti delle portate di fiumi di piccole e medie dimensioni situati sul pendio nordalpino e in Vallese. Secondo le valutazioni attuali, le regioni maggiormente interessate saranno quelle situate tra il Vallese meridionale e il Ticino settentrionale fino alle Alpi centrali. Nelle Alpi bernesi e vallesane, temporali improvvisi possono causare forti aumenti delle portate in particolare nei bacini imbriferi ghiacciati. Non è da escludere che l’evoluzione della situazione meteorologica possa comportare il raggiungimento del livello di pericolo 2 lungo il Rodano nel corso del fine di settimana. Dato che i principali fiumi dell’Altipiano presentano portate molto basse e che in pianura le precipitazioni a carattere temporalesco si verificheranno soltanto localmente, è improbabile che Aare, Reuss, Limmat e Reno raggiungano il livello di pericolo 2. Per quanto concerne i laghi, si prevedono livelli perlopiù stabili.

 

Teaser