Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: martedì 25 agosto 2015, ore 12:00
Prossima informazione: ultime informazioni


Revoca dell’allerta di piena a sud delle Alpi

I livelli delle acque sono in calo. L’allerta di piena per i fiumi di piccole e medie dimensioni delle regioni interessate può pertanto essere revocata.

Meteo

Situazione attuale

Il fronte freddo legato a una depressione sul Mare del Nord si sta rapidamente allontanando verso est.

Nelle ultime 24 ore a sud delle Alpi sono caduti 30 - 40 mm di pioggia, con punte fino a 90-100 mm fra le Centovalli, la media e alta Valle Maggia e la Valle Verzasca, nonché sulla Val Bregaglia. Sull'intera dûrata dell'evento i quantitativi hanno localmente raggiunto i 120 mm.

Previsioni

Una fascia di alta pressione si sta rafforzando attorno al bacino del Mediterraneo e determinerà condizioni stabili nei prossimi giorni.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

Le precipitazioni a sud delle Alpi nella notte su martedì sono risultate più deboli di quanto indicato ieri nei modelli di previsione meteorologica. I livelli dei fiumi di piccole e medie dimensioni nel Canton Ticino e i fiumi Maggia e Ticino sono saliti, senza tuttavia raggiungere il grado di pericolo 2. Le precipitazioni, combinate con un limite elevato delle nevicate, hanno causato un aumento, in parte marcato, degli affluenti del Reno posteriore e anteriore come pure dell’Inn. Il Roseg, un ruscello dell’Alta Engadina, ha raggiunto brevemente il grado di pericolo 2, mentre i livelli del Lago Maggiore e del lago di Lugano hanno fatto registrare un lieve aumento.

Previsioni

In seguito al tempo asciutto, ci si attende nei prossimi giorni un calo delle portate nelle regioni interessate del Canton Ticino, della Mesolcina e delle valli meridionali dei Canton Grigioni. I livelli del Lago Maggiore e del lago di Lugano rimarranno prevalentemente stabili. Le allerte in vigore possono quindi essere revocate.

Teaser