Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: venerdì 18 settembre 2015, ore 11:00
Prossima informazione: ultime informazioni

Processo livello Zone interessate da a
Piogge 3 Alpi urane, Centro dei Grigioni, Moesano, Nord del Ticino 16.09.15, ore 18 18.09.15, ore 12

Fine delle piogge abbondanti al sud e sul settore alpino centrale e del pericolo di piene.

La perturbazione all'origine delle abbondanti precipitazioni delle scorse 48 ore si allontana ulteriormente verso est. Le allerte al sud e sul settore alpino centrale di precipitazioni abbondanti e di piene sono così revocate.

Pioggia

Situazione attuale

La perturbazione all'origine delle precipitazioni abbondanti che hanno interessato il Sopraceneri e il settore alpino centrale da mercoledì a venerdì mattina si indebolisce e si allontana lentamente verso est.

Le relative allerte di piogge abbondanti sono così revocate.

In 48 ore nel Sopraceneri sono perlopiù caduti da oltre 100 a circa 200mm, con una stretta fascia tra le Centovalli-Verzasca-media Leventina di 250-300 mm. Nelle zone limitrofe a nord della cresta alpina sono invece stati misurati da 30-50mm.

Previsioni

Dietro alla perturbazione permane una certa instabilità atmosferica e localmente si potranno ancora verificare alcuni rovesci, comunque di modesta entità.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

I corsi d’acqua in Ticino e nelle regioni settentrionali limitrofe hanno reagito alle precipitazioni e sono cresciuti fortemente. Nelle regioni interessate dall’allerta alcuni fiumi hanno raggiunto il livello di pericolo 2, ad esempio il Reno anteriore a Ilanz, la Reuss ad Andermatt o la Maggia a Locarno. Il Ticino a Bellinzona è rimasto di poco al di sotto del grado di pericolo 2. I fiumi hanno reagito anche nell’Alto Vallese con un forte aumento delle portate, anche se i picchi sono rimasti al di sotto del grado di pericolo 2.

Previsioni

I livelli dei torrenti e dei fiumi scenderanno venerdì pomeriggio. L’allerta può quindi essere revocata. Il Lago Maggiore continuerà a salire fino alla sabato su notte, ma il suo livello massimo rimarrà al di sotto del grado di pericolo 2.

Teaser