Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: sabato 21 novembre 2015, ore 04:38
Prossima informazione: sabato 21 novembre 2015, ore 12:00

Processo livello Zone interessate da a
Piena 2 Altipiano svizzero orientale, Giura, Vallese, versante nordalpino 20.11.15, ore 12 21.11.15, ore 12

Un fronte freddo ha portato forti piogge e venti tempestosi. Allerta di piene per i corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni.

Fra venerdì e sabato un fronte freddo ha provocato un cambiamento del tempo, con abbondanti piogge e venti tempestosi. Il livello dei corsi d’acqua di piccole e medie può subire un notevole e repentino aumento.

Meteo

Situazione attuale

Un attivo fronte freddo, accompagnato da forti venti occidentali, ha attraversato la Svizzera fra venerdì pomeriggio e la notte su sabato.

Le precipitazioni associate al passaggio del fronte sono state importanti, soprattutto nelle regioni di montagna. In quota, sopra gli 800 metri sono stati misurati da 50 a 80 mm di precipitazione, con punte fra 80 e 120 mm in particolare nelle Alpi occidentali, lungo il Giura e nelle Prealpi orientali. In pianura e nelle vallate alpine gli accumuli di precipitazione sono state inferiori, compresi fra 20 e 50 mm.

Nel corso della notte il vento si è indebolito rapidamente, al punto da permettere di revocare in anticipo l'allerta per i venti tempestosi. Le raffiche massime sono state registrate al Jungfraujoch, sul Pilatus e sul Säntis, con valori attorno ai 150 km/h. Nelle altre stazioni di misura situate in zone collinari o esposte sono state misurate raffiche fra 120 e 150 km/h. Iin pianura sopra i 600 metri le raffiche sono state comprese fra 90 e 110 km/h, mentre a basse quote si è rimasti fra 65 e 90 km/h.

Previsioni

Dietro al fronte affluisce ora aria molto fredda e instabile verso la Svizzera, portando sul versante nordalpino durante il fine settimane condizioni tipicamente invernali.

Il limite delle nevicate è sceso nella notte su sabato a quote conprese fra 700 e 1100 m, e scenderà nel corso di sabato ulteriormente fino a basse quote. Le precipitazioni saranno presenti durante l'intero fine settimana, perlopiù sottoforma di rovesci di neve, e quindi con intensità irregolare da regione a regione. Il Giura e il pendio nordalpino saranno particolarmente toccati da queste precipitazioni. Le allerte per piogge intense sono state revocate e al momento sono attive delle allerte di grado 2 per le nevicate. Fino a domenica sera potranno cadere fra 30 e 70 cm di neve fresca.

Il vento continuerà a soffiare con forte intensità da nordovest e scenderà nel corso della giornata di sabato sul versante sudalpino sottoforma di forte e turbolento vento da nord. Per questo motivo per il versante sudalpino è attiva una allerta di grado 2.

Corsi d'acqua e laghi

Situazione attuale

Nell’Altipiano e nel Giura si registra una marcata situazione di magra che, in parte, si estende fino alle Prealpi.

Previsioni

In seguito alle precipitazioni intense annunciate, sono attesi, a partire da venerdì pomeriggio, diffusi aumenti temporanei delle portate dei corsi d’acqua, in particolare dei fiumi di piccole e medie dimensioni del Giura, del pendio nordalpino, dell’Altopiano orientale e del Vallese. Si prevede che le portate raggiungeranno i loro picchi prevalentemente nel corso della notte su sabato. Presumibilmente, i fiumi principali non supereranno tuttavia alcuna soglia di pericolo. Con il calo del limite delle nevicate, a partire da sabato mattina gran parte delle precipitazioni non inciderà più sulle portate.

Teaser