Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: martedì 12 giugno 2018, ore 11:00
Prossima informazione: mercoledì 13 giugno 2018, ore 11:00


Precipitazioni intense persistenti e pericolo di piena nel pendio nordalpino e nelle regioni limitrofe 

Da martedì a mezzogiorno a mercoledì a mezzogiorno sono previste precipitazioni intense nel versante nordalpino e nell'Altipiano centrale e orientale. Nelle regioni interessate vige un diffuso pericolo di piena. 
Processo livello Zone interessate da a
Piogge 3 Altipiano svizzero centrale, Altipiano svizzero orientale, Basso-Vallese, versante nordalpino 12.06.18, ore 12 13.06.18, ore 18
Piena 2 Aare a valle del lago di Bienne, Aare a valle del lago di Thun, Emme, Kleine Emme, Lago di Bienna, Reno dalla confluenza con il Aare fino alla confluenza con l'Ergolz, Reno dalla confluenza con il Ergolz fino a Basilea, Reno dalla confluenza con il Thur fino alla confluenza con il Aare, Reuss, Reuss dalla confluenza con il Kleine Emme fino alla confluenza con l'Aare , Rodano, Sihl, Thur 12.06.18, ore 18 14.06.18, ore 12

Meteo  (Aggiornato il: 12.06.2018, ore 11:00)

Situazione attuale

Una depressione in quota si sposta dal nord della Spagna attraverso la Francia fino alla regione alpina. Davanti ad essa durante la giornata di martedì una corrente da sudovest convoglia aria umida e instabile dal Mediterraneo alla Svizzera.

Previsioni

Con il transito della depressione le correnti ruoteranno a nord; mercoledì l'afflusso di aria più fresca porterà una stabilizzazione delle condizioni atmosferiche.

A partire da martedì pomeriggio sono attese precipitazioni temporalesche intense sul basso Vallese, il pendio nordalpino e l'Altopiano orientale. Entro mercoledì sera in queste regioni sono attesi dai 50 ai 90 mm di pioggia, con accumuli locali anche oltre i 100 mm. La fase più intensa dell'evento è prevista fra martedì sera e mercoledì mattina. Il limite delle nevicate sarà situato inizialmente attorno a 3000 m, per scendere fin verso i 2200 metri verso la fine dell'evento. Mercoledì pomeriggio le precipitazioni si indeboliranno progressivamente a partire da ovest.

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 12.06.2018, ore 11:00)

Situazione attuale

Le precipitazioni degli ultimi giorni hanno causato inondazioni a livello locale come pure l'aumento delle acque in diverse regioni della Svizzera. In particolare nella Svizzera occidentale, nel Giura e nel Vallese è stato registrato un esteso aumento dei livelli dei corsi d'acqua, fino a raggiungere in parte il grado di pericolo 2. I livelli delle acque sono tuttora al di sopra della media.

Nel massiccio del Gottardo e nell’Alto Vallese sono state registrate lunedì precipitazioni superiori alle previsioni, che in combinazione con lo scioglimento della neve accentuato hanno in parte fatto salire i corsi d'acqua nella fascia di pericolo 2.

Lunedì vi è stato un netto aumento della portata in uscita dal lago di Bienne nell'intento di ampliare il bacino di ritenzione, al punto tale che al momento si registra un elevato livello a partire dalla foce dell'Aar.

Previsioni

Le precipitazioni convettive di martedì possono causare un nuovo aumento delle portate dei fiumi di piccole e medie dimensioni.

A partire da martedì sera, le precipitazioni intense persistenti causeranno diffuse piene nel versante nordalpino. Nel corso della sera aumenteranno dapprima i livelli dei fiumi nel Giura, nel corso della notte i livelli aumenteranno in particolare nelle regioni orientali e lungo l'intero versante nordalpino. Dato che le estese precipitazioni persistenti manterranno il loro carattere temporalesco, è possibile che a breve termine si registrino ripetutamente forti aumenti dei livelli fino a un grado di pericolo superiore.  Tenuto conto delle condizioni meteorologiche, la forbice dei livelli previsti o il loro grado di incertezza è relativamente grande.

È probabile un aumento al grado di pericolo 2 nei seguenti tratti di fiumi: l'Aare a valle di Thun e tra il lago di Bienne e la confluenza nel Reno, i fiumi Emme, Reuss, piccola Emme, Sihl, Thur, Reno a valle della confluenza della Thur fino a Basilea, come pure il Rodano fino al lago Lemano.

I livelli di Limmat e Birs raggiungeranno probabilmente la soglia al grado di pericolo 2.

I livelli del lago di Thun e di Bienne possono salire nella fascia di pericolo 2.

Allo stato attuale delle valutazioni, le acque non raggiungeranno il grado di pericolo 3 o se lo raggiungeranno sarà soltanto per brevi picchi.

 

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Aare-Bern 2 340 - 370 m³/s 13.06.18, 09:00 - 18:00
Aare-Murgenthal 2 650 - 850 m³/s 13.06.18, 06:00 - 15:00
Bielersee - Ligerz 2 429,80 - 430,00 m s. l. m. 13.06.18, 18:00 - 14.06.18, 06:00
Emme-Wiler 2 250 - 350 m³/s 13.06.18, 06:00 - 12:00
Kleine Emme-Emmen 2 250 - 400 m³/s 13.06.18, 10:00 - 14:00
Reuss-Mellingen 2 500 - 700 m³/s 13.06.18, 16:00 - 20:00
Reuss-Seedorf 2 200 - 300 m³/s 13.06.18, 00:00 - 12:00
Rhein-Basel 2 2400 - 2800 m³/s 13.06.18, 22:00 - 14.06.18, 06:00
Rhône-Branson 2 500 - 600 m³/s 13.06.18, 04:00 - 18:00
Sihl-Zürich 2 120 - 180 m³/s 13.06.18, 06:00 - 18:00
Thur-Andelfingen 2 400 - 600 m³/s 13.06.18, 18:00 - 23:00

Scivolamenti  (Aggiornato il: 12.06.2018, ore 12:29)

Previsioni

In considerazione delle precipitazioni registrate e previste, le soglie per frane e frane spontanee potrebbero essere raggiunte localmente, specialmente nel caso di precipitazioni tempestose. È richiesta maggiore vigilanza nelle aree più esposte.

Teaser