Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: mercoledì 7 novembre 2018, ore 11:00
Prossima informazione: venerdì 9 novembre 2018, ore 11:00


Pericolo moderato di piena nei laghi ticinesi. 

I livelli del Lago Maggiore e del lago di Lugano rimarranno molto elevati anche nei prossimi giorni. 
Processo livello Zone interessate da a
Piena 2 Lago Maggiore, Lago di Lugano, Tresa 30.10.18, ore 18 09.11.18, ore 11

Meteo  (Aggiornato il: 07.11.2018, ore 11:00)

Situazione attuale

Una depressione di origine atlantica in spostamento dalla Francia al Mar Tirreno ha convogliato verso il versante sudalpino aria molto umida causando ancora precipitazioni importanti. Nelle ultime 24 ore sono caduti tra 50 e 70 mm di pioggia tra la Valle Maggia e la zona del Sempione. I quantitativi di precipitazione delle ultime 72 ore hanno così raggiunto valori compresi tra 100 e 150 mm tra il Ticino occidentale e la zona del Sempione, ma in territorio italiano hanno anche superato localmente i 200 mm. La perturbazione a sud delle Alpi si esaurisce oggi, ma le correnti in quota restano persistenti dai quadranti meridionali.

 

 

Previsioni

Nella giornata odierna le precipitazioni a Sud delle Alpi si indeboliscono gradualmente, e fino a domani mattina avranno un carattere d'intermittenza. Gli accumuli previsti saranno compresi tra 5 e 10 mm, ma localmente potranno essere anche maggiori. Da domani pomeriggio e nella giornata di venerdì si verificheranno ulteriori precipitazioni, che tuttavia saranno di debole intensità con accumuli sulle 48 ore inferiori ai 20 mm. Nella giornata di sabato, invece, le precipitazioni saranno più intense e potranno raggiungere i 30-50 mm in 24 ore. Il limite delle nevicate sarà compreso tra 1900 e 2400 metri.

 

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 07.11.2018, ore 11:00)

Situazione attuale

Le precipitazioni degli ultimi giorni hanno causato un netto aumento delle portate dei fiumi in Ticino. Tra i fiumi principali, è soprattutto la Maggia ad essere salita in misura marcata nella notte su mercoledì. Il picco è tuttavia rimasto leggermente al di sotto del grado di pericolo 2. Mercoledì mattina, nel Ticino meridionale, a causa delle piogge intense le portate in entrata del lago di Lugano sono fortemente ingrossate. In parte è stato raggiunto il grado di pericolo 2.

A causa delle elevate portate in entrata, in particolare il lago Maggiore è salito in modo marcato e mercoledì mattina registrava valori nel grado di pericolo 2. Il lago di Lugano si trovava appena al di sotto del grado di pericolo 2. La Tresa, l’emissario del lago di Lugano è salito leggermente e mercoledì mattina si trovava appena sotto il grado di pericolo 2.

 

 

 

 

 

Previsioni

Le portate in entrata nel lago Maggiore e nel lago di Lugano inizieranno a scendere lentamente nel corso della giornata di mercoledì. I livelli di questi due laghi saliranno ancora leggermente mercoledì e raggiungeranno i loro picchi nella notte su giovedì. Probabilmente il lago Maggiore non raggiungerà il grado di pericolo 3, anche se di poco. A causa delle precipitazioni attese, entro il fine di settimana i livelli dei laghi diminuiranno solo leggermente.

La portata della Tresa si troverà nei prossimi giorni nella fascia del valore soglia al grado di pericolo 2.

 

 

 

 

 

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Lago Maggiore - Locarno 2 195.35 - 195.45 m s. l. m. 07.11.18, 18:00 - 08.11.18, 06:00
Lago di Lugano - Melide 2 270.85 - 270.90 m s. l. m. 07.11.18, 14:00 - 22:00

Teaser