Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: domenica 13 gennaio 2019, ore 11:00
Prossima informazione: domenica 13 gennaio 2019, ore 18:00


Nevicate abbondanti lungo il pendio nordalpino e nelle Alpi orientali, venti tempestosi sulle cresta alpina. Prepotente aumento del pericolo di valanghe. 

Tra sabato sera e martedì mattina sono attese, in particolare sul versante nordalpino e nelle Alpi orientali, nevicate continue e abbondanti. Gli accumuli maggiori sono previsti nelle Alpi urane e glaronesi. Il pericolo di valanghe aumenta prepotentemente in molte regioni. 
Processo livello Zone interessate da a
Nevicate 4 Alpi Glaronesi, Alpi urane, Oberland Bernese orientale, Prättigau 12.01.19, ore 18 15.01.19, ore 12
Valanghe 4 Cresta settentrionale delle Alpi dalla Kandertal al Liechtenstein senza Lötschental e senza regione dell'Aletsch; inoltre valle di Goms, Urseren sud, Prettigovia nord, Silvretta e parte settentrionale della bassa Engadina 13.01.19, ore 08 13.01.19, ore 17
Nevicate 3 Nord e centro dei Grigioni, Scuol-Samnaun, Zernez, versante nordalpino 12.01.19, ore 18 15.01.19, ore 12
Nevicate 3 Alta Valmaggia, Alto Moesano, Blenio, Leventina, Nord del Vallese 12.01.19, ore 21 14.01.19, ore 18
Vento 3 Alpi 13.01.19, ore 10 14.01.19, ore 18

Meteo  (Aggiornato il: 13.01.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Una forte corrente nordoccidentale convoglierà nei prossimi giorni aria molto umida verso la regione alpina, dando luogo a una situazione di sbarramento sul versante nordalpino.

Fino a sabato mattina sono caduti in una fascia che comprende l'Oberland bernese, la Svizzera centrale, le Alpi glaronesi, la regione del Säntis così come l'alto Vallese, la Lötschental, il versante nord della Surselva e il Prättigau 20-30 cm di neve fresca, localmente fino a 40 cm. Nella parte occidentale del pendio nordalpino, nelle restanti regioni del Vallese, nella Valle Bedretto, nel centro dei Grigioni e nella bassa Engadina sono caduti 10-20 cm di neve. Nelle altre regioni adiacenti a sud delle Alpi e nell'Alta Engadina sono stati registrati fino a sabato mattina pochi cm di neve fresca.

Previsioni

Nell’Alto Vallese così come in una fascia che spazia tra l’Oberland Bernese e le Alpi orientali, come pure nelle regioni adiacenti della Bassa Engadina sono attese tra domenica pomeriggio e martedì mattina ulteriori nevicate intense. Nell'alto Vallese le nevicate si indeboliranno già lunedì sera. Il limite delle nevicate si situerà inizialmente attorno ai 600 metri, ma nel corso di domenica salirà temporaneamente a 900-1200, nell'Oberland bernese a tratti fino a 1500 metri. Nella notte su lunedì esso calerà nuovamente a 600-800 metri. Tuttavia, nelle vallate interne delle Alpi, in particolare nel centro dei Grigioni, le precipitazioni cadranno probabilmente durante l'intero evento sottoforma di neve fin sul fondovalle.

Tra domenica mattina e martedì pomeriggio, sopra 1200 metri,  sono attesi nella regione della Jungfrau, nelle Alpi urane e glaronesi come pure nel Prättigau 70-100 cm di neve fresca, localmente fino a 120 cm. Nelle restanti regioni del pendio nordalpino, nell'alto Vallese, nel nord e centro dei Grigioni e nelle regioni adiacenti della bassa Engadina sono previsti accumuli di 50-80cm. Sopra 800 metri sono attesi fino a martedì mattina 30-60 cm di neve fresca. Accumuli simili sono probabili nelle regioni intralpine anche sul fondovalle, in particolare nel centro dei Grigioni. Lunedì e nella notte sui martedì cadranno anche a quote più basse, sopra 500-700 metri, 20-30 cm di neve fresca.

Nel Ticino settentrionale e nell'alto Moesano sono previsti sopra 1000 mezri 10-20 cm, sopra 1400 metzri 30-50 cm di neve fresca. Il limite delle nevicate si situerà fino a lunedì mattina a circa 1000 metri per poi calare fin verso i 700 metri nel corso della giornata di lunedì.

Nelle regioni allertate con il livello 2 cadranno sopra circa 1200 metri 40-60 cm di neve fresca, in Engadina 20-40 cm.

Le intense nevicate saranno accompagnate in alta montagna da venti tempestosi da nordovest, in particolare domenica e lunedì. In montagna, sopra i 2000 metri, sono previste raffiche di 120-160 km/h, sopra i 1500 metri 80-120 km/h. Nella notte sul lunedì il vento soffierà anche a quote più basse, in particolare nella Svizzera centrale e orientale, con possibili raffiche di 60-90 km/h anche nelle vallate alpine.
 

 

Valanghe  (Aggiornato il: 13.01.2019, ore 10:58)

Situazione attuale

La maggior parte della neve fresca e di quella ventata andrà a depositarsi su una superficie del manto nevoso debolmente coesa. Soprattutto nelle regioni occidentali si prevedono fratture anche negli strati di neve vecchia in parte fragili. Sul versante nordalpino dall'Oberland Bernese orientale al Liechtenstein, nella parte settentrionale dell'alto Vallese, nel nord dei Grigioni e nella parte settentrionale della bassa Engadina, dopo le abbondanti nevicate dei giorni scorsi è già presente molta neve anche alle quote di media montagna. Le valanghe che si distaccheranno alle quote più alte potranno coinvolgere molta neve asciutta lungo il loro percorso verso valle e avanzare molto lontano.

Previsioni

Con molta neve fresca e bufera, il pericolo di valanghe aumenta.  Già un singolo appassionato di sport invernali può facilmente provocare il distacco di valanghe, anche di dimensioni pericolosamente grandi. Si prevede un progressivo aumento di valanghe spontanee. Le condizioni per la pratica degli sport invernali fuoripista sono molto critiche.

Engelberg, Gadmertal, passo del Grimsel, Grindelwald, Guttannen, Hasliberg - Rosenlaui, Jungfrau - Schilthorn, Lauterbrunnen, Linthal, Maderanertal, Meiental, Melchtal, Muotatal, Schreckhorn, Schächental, Uri Rotstock:  lungo le loro traiettorie, le valanghe possono coinvolgere molta neve. Nel pomeriggio sono previste valanghe di grandi e, a livello isolato, anche di dimensioni molto grandi. I tratti esposti delle vie di comunicazione sono progressivamente in pericolo.

Al di sotto dei 2000 m circa è inoltre previsto un progressivo aumento di valanghe per scivolamento di neve. Attenzione ai pendii con rotture da scivolamento. Con la pioggia, al di sotto dei 1400 m circa si prevedono valanghe bagnate. Sono previsti scaricamenti dalle scarpate.

Informazioni dettagliate sono contenute nel bollettino delle valanghe: www.slf.ch

Teaser