Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: martedì 15 gennaio 2019, ore 08:00
Prossima informazione: ultime informazioni


Fine avviso per nevicate abbondanti e venti tempestosi. Situazione valanghiva ancora molto pericolosa in molte regioni. 

Le nevicate continue e abbondanti che hanno interessato le regioni di montagna nelle Alpi sono terminate. Anche l'intensità del vento si è nettamente attenuata. L’attività valanghiva spontanea è in diminuzione. Sono tuttavia ancora possibili isolate valanghe spontanee, anche di dimensioni molto grandi. 
Processo livello Zone interessate da a
Valanghe 4 Versante nordalpino senza Vouvry e senza Prealpi, tuttavia comprese le Prealpi Svittesi; Vallese senza valle di Saas e senza zona del Sempione sud; regione del Gottardo; nord dei Grigioni; centro dei Grigioni senza Avers; Engadina; val Müstair 15.01.19, ore 08 15.01.19, ore 17

Meteo  (Aggiornato il: 15.01.2019, ore 08:00)

Situazione attuale

Dalla tarda serata di sabato una forte corrente nordoccidentale ha convogliato aria molto umida verso le Alpi, dando luogo a una marcata situazione di sbarramento sul versante nordalpino. Durante l'intero evento di precipitazione al di sopra dei 1500 metri di quota si sono accumulati i seguenti quantitativi di neve fresca:

 

  • Cresta alpina settentrionale dal Wildhorn fino al Liechtenstein, Goms, Grigioni settentrionali e Bassa Engadina:  80 - 120 cm; da Goms attraverso il Canton Uri fino le Alpi glaronesi fino a 160 cm.
  •  

  • Prealpi centrali e orientali, Grigioni centrali, alcune zone del Vallese meridionale: 50 - 80 cm.
  •  

  • Prealpi occidentali, Chablais, Alpi vodesi e friborghesi, basso Vallese più occidentale, valli di Visper, regione del Sempione meridionale, Bedretto, alta valle Maggia, cresta alpina principale dal Lucomagno al Bernina, valle di Münster: 30 - 50 cm.
  •  

  • Giura: 20 – 40 cm
  •  

  • Restanti regioni del Ticino, Moesano, Bregaglia e Poschiavo: circa 15 cm, Sottoceneri prevalentemente asciutto.
  •  

    Il vento in montagna è risultato tempestoso, sulle cime più alte le raffiche hanno raggiunto anche intensità cicloniche. Sopra i 2000 metri le raffiche sono state comprese tra 120 e 150 km/h, localmente fino a 180 km/h.

    Previsioni

    Martedì l'influsso dell'alta pressione sul vicino Atlantico sarà gradualmente più determinante per il tempo di tutto il Paese. Martedì mattina le regioni più orientali sono state interessate da precipitazioni residue e l'intensità del vento in quota si è indebolita nettamente. Anche mercoledì l'anticiclone determinerà condizioni di stabilità sull'insieme del Paese.

     

    Valanghe  (Aggiornato il: 15.01.2019, ore 08:00)

    Situazione attuale

    Nella notte fra lunedì e martedì si è concluso l’intenso periodo di precipitazioni che perdurava da sabato sera. Domenica e in particolare lunedì si sono staccate numerose valanghe spontanee, in alcuni casi anche di dimensioni estreme.

    Previsioni

    Con la fine delle precipitazioni e l’attenuazione del vento l’attività valanghiva spontanea è in netta diminuzione. Soprattutto nelle regioni maggiormente interessate dalle precipitazioni, sono tuttavia ancora possibili isolate valanghe spontanee di dimensioni molto grandi. Previa apposita verifica è possibile allentare i blocchi stradali e l’evacuazione degli edifici minacciati. È ancora assolutamente necessario rispettare le istruzioni impartite dalle autorità e dai servizi di sicurezza locali. Per le attività fuoripista la situazione è molto pericolosa.

    Ulteriori informazioni dettagliate sono contenute nel bollettino delle valanghe: www.slf.ch

    Teaser