Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: giovedì 25 aprile 2019, ore 17:00
Prossima informazione: venerdì 26 aprile 2019, ore 00:00


Tempesta di favonio lungo il pendio nordalpino, vento tempestoso da sud sulla cresta alpina. Pericolo moderato di piene in Ticino  

Fino a giovedì notte sulla cresta alpna principale soffierà ancora un vento tempestoso da sud, con forte favonio nelle vallate nordalpine. Nella notte su venerdì la Maggia potrebbe raggiungere il grado di pericolo 2. 
Processo livello Zone interessate da a
Vento 3 versante nordalpino centrale 22.04.19, ore 15 26.04.19, ore 00
Vento 3 Alpi 23.04.19, ore 18 26.04.19, ore 00
Vento 3 versante nordalpino orientale 24.04.19, ore 06 26.04.19, ore 00
Piena 2 Maggia-Locarno 25.04.19, ore 17 26.04.19, ore 12

Meteo  (Aggiornato il: 25.04.2019, ore 17:00)

Situazione attuale

La forte corrente dai quadranti meridionali sopra le Alpi persisterà fino alla notte tra giovedì e venerdì. Anche il favonio che da soffia ancora tempestoso nelle vallate nordalpine si manterrà fino alla prossima notte. Nelle ultime 24 ore il favonio ha toccato punte di 80-110 km/h. Nella notte sul venerdì un fronte freddo proveniente da ovest raggiungerà la Svizzera.
 

Previsioni

Oggi giovedì il favonio si è nuovamente rafforzato. Nelle vallate alpine sono previste raffiche di 80-110 km/h, sulle creste di 110-140 km/h. Nei luoghi più esposti della cresta principale delle Alpi sono possibili punte di 130-160 km/h.

Nella notte su venerdì il passaggio di un fronte freddo porrà fine alla corrente favonica. Dopo il passaggio del fronte e con l'arrivo di aria più fredda ad alta quota nel corso di venerdì, le precipitazioni sul versante sudalpino torneranno invece ad intensificarsi. Entro venerdì sera, soprattutto sul Ticino nordoccidentale, cadranno altri 40-80 mm di precipitazione, con punte di 100 mm nelle zone toccate da piogge convettive. Il limite delle nevicate, inizialmente sui 2000 m, si abbasserà entro venerdì a mezzogiorno fin verso 1600 m. Le precipitazioni termineranno venerdì sera.

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 25.04.2019, ore 17:09)

Situazione attuale

Le forti precipitazioni cadute in Ticino nelle ultime 48 ore hanno causato un forte aumento delle portate lungo il pendio sudalpino. Il livello del Lago Maggiore è salito a quasi 50 cm sotto il limite inferiore del grado di pericolo 2. Anche il lago di Lugano ha reagito, anche se in modo meno marcato.

Previsioni

Dopo la breve tregua nella giornata di giovedì, le precipitazioni previste a partire da giovedì sera causeranno un nuovo forte aumento delle portate nel Cantone Ticino. Venerdì mattina la Maggia potrebbe raggiungere temporaneamente il grado di pericolo 2. Il Ticino rimarrà presumibilmente sotto il grado di pericolo 2.

I livelli delle acque del Lago Maggiore e del lago di Lugano saliranno ulteriormente prima del fine settimana. A seconda dell’evoluzione dell’evento, il livello del Lago Maggiore potrebbe raggiungere il grado di pericolo 2. 

I corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni del Sopraceneri potrebbero temporaneamente salire in modo marcato.

 

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Maggia-Locarno 2 700 - 1000 m³/s 26.04.19, 02:00 - 10:00

Teaser