Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: giovedì 13 giugno 2019, ore 11:00
Prossima informazione: venerdì 14 giugno 2019, ore 11:00


Lento miglioramento della situazione di piena dei corsi d’acqua. 

Permane il pericolo di piena per il Lago dei Quattro Cantoni, il lago di Walen e il Bodanico. 
Processo livello Zone interessate da a
Piena 3 Lago di Costanza 12.06.19, ore 12 17.06.19, ore 12
Piena 2 Lago dei Quattro Cantoni, Lago di Walen 12.06.19, ore 12 14.06.19, ore 12
Piena 2 Canale della Linth, Reno dal lago di Costanza fino alla confluenza con il Thur , Reuss dal Lago dei Quattro Cantoni fino alla confluenza con la Kleine Emme 12.06.19, ore 12 17.06.19, ore 12
Piena 2 Inn-Martina 13.06.19, ore 12 14.06.19, ore 12

Meteo  (Aggiornato il: 13.06.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Una zona di bassa pressione si è spostata dalla Bretagna al Mare del Nord. Di conseguenza le forti correnti meridionali ad essa associate sono ruotate ieri a sudovest convogliando aria gradualmente meno umida verso la regione alpina.  

Mercoledì, dopo le ore 11:00, in una fascia che comprende l'Alta Engadina e la Val Monastero fino al Prättigau sono caduti ulteriori 5 - 15 mm di pioggia. Altrove non si sono più verificate precipitazioni di rilievo. Solo nella regione del Sempione e della Saane nella seconda parte della giornata si sono ancora verificati rovesci e temporali di una certa intensità.

Tra domenica mattina e mercoledì sera si sono verificate precipitazioni intense, in particolare nella valle della Binn, in Valle Maggia, Bedretto, nella regione del Gottardo, nel Moesano e in Val Bregaglia, dove i quantitativi sono stati compresi tra 150 e 190 mm. Nelle regioni adiacenti i quantitativi sono stati compresi tra 90 e 140 mm, altrove tra 30 e 80 mm. Il limite delle nevicate durante la fase principale dell'evento è stato compreso tra 2500 e 3500 metri.
 

Previsioni

Oggi giovedì una zona di alta pressione determinerà tempo asciutto in tutta la Svizzera. Venerdì le correnti da sudovest si intensificheranno nuovamente, determinando a nord delle Alpi una situazione favonica. Nel Giura, in serata anche a Sud delle Alpi una zona di instabilità causerà nuove precipitazioni, con accumuli compresi tra 5 e 10 mm. Nella regione del Sempione, nella Valle Maggia i quantitativi saranno superiori ma non supereranno i 10 - 30 mm. Il limite delle nevicate sarà compreso tra 3200 e 3700 metri.

Sabato un fronte freddo attraverserà la Svizzera nordalpina portando con sé 10-30 mm di precipitazione, localmente, con temporali, fino a 40 mm.
Domenica lungo le Prealpi e nel Nord dei Grigioni sono previsti ulteriori 10-30 mm di pioggia. Il limite delle nevicate si situerà attorno a 2700 metri.
A partire da lunedì è atteso in tutto il Paese tempo caldo estivo asciutto e ben soleggiato.

 

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 13.06.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Le precipitazioni intense a carattere temporalesco verificatesi nei Grigioni fino a mercoledì pomeriggio, associate a un marcato scioglimento della neve, hanno causato in parte un forte aumento delle portate negli affluenti del Reno Alpino, dell’Inn e del Ticino. Diversi livelli lungo il Reno posteriore e il Reno alpino superiore hanno raggiunto il grado di pericolo 3 e, in parte, anche il grado di pericolo 4. Anche la Moesa e il corso inferiore dell’Inn sono saliti temporaneamente al grado di pericolo 4. Da mercoledì sera le portate sono in calo in tutte le regioni interessate dalle piene.  

In seguito all’elevata portata del Reno alpino, da ieri il livello del Lago Bodanico ha fatto registrare un aumento marcato e si trova attualmente nella fascia di pericolo 2. Sono saliti anche i livelli del lago di Walen e di quello dei Quattro Cantoni, entrambi momentaneamente nel grado di pericolo 2.

 

Previsioni

Il tempo prevalentemente asciutto fino a venerdì contribuirà a migliorare ulteriormente la situazione. Le portate continueranno a scendere.   

L’Inn permarrà nel grado di pericolo 2. L’allerta di piene per il Reno alpino e le allerte a livello regionale per i fiumi di piccole e medie dimensioni nella Svizzera centrale e orientale è revocata.  

Il livello del Lago Bodanico continuerà a salire e raggiungerà entro venerdì il grado di pericolo 3. Il lago dei Quattro Cantoni e il lago di Walen e le relative portate in uscita, come pure il Lago Bodanico, rimarranno in stato di allerta al grado di pericolo 2.

 

 

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Bodensee (Obersee) - Romanshorn 3 396.85 - 397.00 m s. l. m. 13.06.19, 12:00 - 14.06.19, 12:00

Teaser