Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: venerdì 28 giugno 2019, ore 11:00
Prossima informazione: venerdì 28 giugno 2019, ore 20:00


Forte ondata di caldo in tutta la Svizzera. Pericolo moderato di piena per il Lago Bodanico e il Rodano. 

L'ondata di caldo che da giorni interessa la Svizzera persisterà fino a lunedì. I livelli del lago Bodanico sono in calo, mentre i corsi d’acqua alpini fanno registrare un aumento delle portate, soprattutto in Vallese. 
Processo livello Zone interessate da a
Canicola 4 Basel, Frick-Leibstadt, Rheinfelden, Ticino centrale e meridionale, Vallese centrale 25.06.19, ore 12 01.07.19, ore 18
Canicola 3 Basse quote del nord delle Alpi 24.06.19, ore 15 01.07.19, ore 18
Canicola 3 Alta Valmaggia, Blenio, Leventina 26.06.19, ore 15 28.06.19, ore 20
Piena 2 Reno dal lago di Costanza fino alla confluenza con il Thur 12.06.19, ore 12 01.07.19, ore 12
Piena 2 Lago di Costanza 24.06.19, ore 12 01.07.19, ore 12
Piena 2 Rodano 26.06.19, ore 11 01.07.19, ore 12

Meteo  (Aggiornato il: 28.06.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Una zona di alta pressione centrata sul Mare del Nord determinerà anche nei prossimi giorni tempo molto caldo e secco in tutto il Paese.

Giovedì sono stati misurati alle basse quote di tutta la Svizzera temperature comprese fra 33 e 37 gradi. Nella notte tra mercoledì e giovedì a Locarno-Monti la temperatura non è scesa sotto i 24.3 gradi, facendo registrare la temperature minima più alta mai registrata dall'inizio delle misurazioni nel 1935.

Previsioni

L'influsso anticiclonico sul centro Europa, caratterizzato dalla presenza di aria eccezionalmente calda, durerà fino a lunedì. A basse quote (al di sotto dei 600 - 800 m) le temperature massime supereranno ancora in modo diffuso il valore di 30 gradi, localmente anche di svariati gradi.

Oggi venerdì aria un po' meno calda ha raggiunto le regioni orientali da est, e soprattutto sull'Altopiano centrale e orientale la temperatura e l'umidità sono scese leggermente. In queste regioni le temperature massime raggiungeranno i 29 - 33 gradi, mentre nel fine settimana torneranno su valori più elevati compresi tra 31 e 35 gradi.
Nelle altre regioni del Nord delle Alpi le massime saranno ancora comprese tra 33 e 37 gradi. In Ticino nel fine settimana si avrà una diminuzione temporanea delle temperature, accompagnata però da un nuovo aumento dell'umidità relativa.

Le notti saranno ancora tropicali specialmente nelle città e nelle zone collinari, con minime superiori a 20 gradi.

Sulla base delle informazioni tuttora disponibili, l'ondata di caldo durerà almeno fino a lunedì 1 luglio. La canicola dovrebbe poi attenuarsi gradualmente a partire da martedì o mercoledì della prossima settimana.
 

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 28.06.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

I livelli del lago Bodanico permangono elevati e si sfiorano ancora la soglia al grado di pericolo 3. Venerdì il lago Bodanico superiore era 2 cm al di sotto della soglia di pericolo 3, mentre il lago inferiore si trovata ad appena 1 cm al di sotto di tale soglia. Il Reno all’uscita dal lago inferiore continua a registrare una portata molto elevata, nettamente superiore alla soglia del grado di pericolo 2.

Alimentati dallo scioglimento della neve e dei ghiacciai, i corsi d’acqua alpini continuano a registrare portate elevate e forti variazioni giornaliere. In Vallese, la portata del Rodano supera regolarmente il grado di pericolo 2 e situazioni di piena puntuali sono possibili nei corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni.

Previsioni

Il lento calo dei livelli del lago Bodanico continuerà durante il fine settimana, benché frenato dal forte scioglimento della neve e dei ghiacciai. I livelli del lago superiore e del lago inferiore resteranno oggetto di un’allerta di grado 2. La portata in uscita del lago inferiore permarrà al grado di pericolo 2 anche nei prossimi giorni.

Le temperature elevate previste almeno fino a lunedì continueranno a provocare un forte scioglimento della neve e dei ghiacciai nelle regioni alpine. I picchi delle portate del Rodano, dovuti alle variazioni giornaliere, rischiano di superare la soglia del grado di pericolo 2.

I corsi d’acqua di piccole e medie dimensioni del Vallese potranno anch’essi raggiungere brevemente il grado di pericolo 2 in seguito alle variazioni che subiranno nel corso della giornata.

 

 

 

Teaser