Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: lunedì 1 luglio 2019, ore 11:00
Prossima informazione: lunedì 1 luglio 2019, ore 18:00


Fine dell'ondata di caldo, al nord lunedì, al sud martedì. Pericolo di piena moderato per lago Bodanico e Rodano. 

L'ondata di caldo che da giorni interessa le basse quote di tutta la Svizzera durerà al nord fino a lunedì, al sud fino a martedì. La marcata ondata di caldo a bassa quota che ha colpito la Svizzera intera terminerà lunedì. Calo delle acque nel lago Bodanico. Portate in uscita elevate nei corsi d’acqua alpini, in particolare nel Vallese. 
Processo livello Zone interessate da a
Canicola 4 Basel, Frick-Leibstadt, Rheinfelden, Vallese centrale 25.06.19, ore 12 01.07.19, ore 18
Canicola 4 Ticino centrale e meridionale 25.06.19, ore 12 02.07.19, ore 18
Canicola 3 Basse quote del nord delle Alpi 24.06.19, ore 15 01.07.19, ore 18
Piena 2 Reno dal lago di Costanza fino alla confluenza con il Thur 12.06.19, ore 12 05.07.19, ore 12
Piena 2 Lago di Costanza 24.06.19, ore 12 05.07.19, ore 12
Piena 2 Rodano 26.06.19, ore 11 03.07.19, ore 12

Meteo  (Aggiornato il: 01.07.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Domenica è affluita aria nuovamente più calda verso la regione alpina, determinando un nuovo aumento delle temperature, specialmente a nord delle Alpi e nel Vallese, dove le massime hanno raggiunto i 34 - 37 gradi. A sud delle Alpi le temperature massime hanno raggiunto i 33 gradi, ma con un tasso di umidità molto elevato. L'indice di calore ha quindi superato le 93 unità in tutto il Paese con punte fino a 103 a Ginevra.

Previsioni

La zona di alta pressione sull’Europa orientale si sta allontanando verso il Mar Nero. Di conseguenza il fronte freddo che lunedì mattina si trovava sulla Francia raggiungerà entro la notte su martedì la Svizzera nordalpina ponendo fine domani al periodo di canicola. A sud delle Alpi, invece, il calo delle temperature si avvertirà solo a partire da mercoledì.

Alle basse quote del Nord delle Alpi lunedì le temperature saliranno ancora fino a 30 gradi, ma con un tasso di umidità molto elevato. Nella seconda metà della giornata sono attesi temporali localmente anche di forte intensità, che si protrarranno anche nella notte su martedì. La perturbazione temporalesca sarà seguita da aria più fresca e più secca ponendo martedì fine al lungo periodo di canicola. Le allerta canicola di livello 3 e 4 verranno quindi revocate questa sera.

Fino a martedì, a sud delle Alpi, il tempo sarà invece ancora determinato dalla presenza di aria molto calda e afosa, malgrado qualche temporale, più probabile verso la catena alpina. Solamente a partire da mercoledì è atteso un calo delle temperature e dell'umidità che si manifesterà anche con notti più fresche. L'allerta canicola di livello 4 in corso per il Ticino centrale e meridionale è stata pertanto prolungata fino a martedì sera.
 

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 01.07.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Nonostante un lieve calo durante il fine settimana, le acque del lago Bodanico si situano tuttora ben al di sopra della soglia al grado di pericolo 2. Nel lago superiore il livello era lunedì 6 cm sotto la soglia del grado di pericolo 3, mentre nel lago inferiore lo era appena di 5 cm. Il Reno all’uscita dal lago inferiore faceva ancora registrare una portata molto elevata nella fascia di pericolo 2.

A seguito dello scioglimento della neve e dei ghiacciai, i livelli dei fiumi nelle regioni alpine sono tuttora elevati, con marcate variazioni giornaliere, in particolare nel Vallese. Il livello del Rodano è salito regolarmente in questi ultimi giorni, fino a raggiungere la soglia del grado di pericolo 2. Le variazioni giornaliere del Massa hanno fatto raggiungere il grado di pericolo 2.

Previsioni

Le acque del lago Bodanico continueranno a far registrare un lento calo, a seguito dello scioglimento della neve tuttora intenso. L’allerta relativa ai livelli del lago superiore e del lago inferiore rimarrà ancora al grado di pericolo 2. Anche la portata in uscita dal lago Bodanico continuerà nei prossimi giorni a rimanere nella fascia di pericolo 2.

Le temperature tuttora alte continueranno a far sì che lo scioglimento della neve e dei ghiacciai nelle regioni di alta montagna resti elevato. Anche i temporali possono causare un aumento a breve termine delle acque nelle regioni interessate. I livelli del Rodano come pure i fiumi di piccole dimensioni nel Vallese possono quindi tuttora raggiungere nel corso della giornata il grado di pericolo 2.

 

 

 

Teaser