Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: mercoledì 21 agosto 2019, ore 11:00
Prossima informazione: ultime informazioni


Revoca dell’allerta di piena 

Miglioramento e livelli delle acque in calo nelle regioni interessate. 

Meteo  (Aggiornato il: 21.08.2019, ore 03:00)

Situazione attuale

Negli ultimi due giorni la regione alpina si è trovata in prossimità della zona di transizione tra aria calda e umida sul versante sudalpino e aria più fresca sull'Europa centrale. Complice la presenza di una zona di bassa pressione in quota che martedì ha attraversato la Svizzera da ovest verso est, si sono verificate forti precipitazioni.

Tra lunedì sera e mercoledì mattina nelle Alpi centrali e orientali - tra la regione del Gottardo e il centro dei Grigioni - sono stati misurati da 40 a 85 mm di pioggia. Nelle regioni adiacenti delle Prealpi settentrionali sono caduti da 30 a 70 mm, nelle rimanenti regioni nordalpine da 15 a 30 mm.

A sud delle Alpi le precipitazioni sono state comprese tra 50 e 100 mm.

Il limite delle nevicate si è situato tra 3300 e 3600 metri ed è calato martedì sera al Nord fino a 2800 - 3000 m.

Previsioni

Oggi mercoledì l'anticiclone delle Azzore si espanderà gradualmente verso le Alpi determinando un miglioramento del tempo in tutto il Paese. Le allerte per forti precipitazioni sono pertanto revocate.

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 21.08.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Le precipitazioni di lunedì e martedì, associate a un limite delle nevicate elevato, hanno causato in parte anche aumenti marcati dei livelli delle acque. Il Reno alpino ha sfiorato il grado di pericolo 2. Il volume delle precipitazioni e quindi i picchi delle portate di questo fiume e dei suoi affluenti sono tuttavia stati inferiori alle previsioni. Altri corsi d’acqua (Thur, Linth e Lütschine) hanno raggiunto il grado di pericolo 2, mentre altri ancora (Kander, Simme) lo hanno solo sfiorato. Ciò ha causato un continuo aumento del livello del lago di Thun, il quale ha raggiunto mercoledì mattina la soglia del grado di pericolo 2. Anche il livello del lago di Walen è salito di oltre 50 cm in 12 ore, pur non raggiungendo il grado di pericolo 2 visto il livello molto basso delle acque prima dell’inizio delle precipitazioni.

Previsioni

Nei prossimi giorni non sono previste precipitazioni di rilievo e si assisterà pertanto a un netto miglioramento. I livelli dei fiumi sono in calo e sono già tutti al di sotto del grado di pericolo 2. I laghi ai piedi delle Alpi raggiungeranno il loro livello massimo nel corso di mercoledì, ma nessuno, tranne il lago di Thun, raggiungerà il grado di pericolo 2. Il lago di Thun scenderà di nuovo al di sotto della soglia del grado di pericolo 2 nel corso di giovedì. I livelli delle acque continueranno a scendere anche nei giorni successivi.

Teaser