Navigazione

Collegamenti ipertestuali

ausgew�hlt

Contenuto

Bollettino sui pericoli naturali della Confederazione

Data di edizione: domenica 20 ottobre 2019, ore 11:00
Prossima informazione: lunedì 21 ottobre 2019, ore 11:00


Forti piogge. Ancora pericolo moderato di piena in Ticino. 

Al Sud delle Alpi e sulle zone confinanti lungo la catena alpina sono attese piogge prolungate e abbondanti che perdureranno da sabato a lunedì.  A seguito delle piogge continue i livelli dei corsi d’acqua e dei laghi nel comprensorio del Ticino e nelle regioni confinanti continueranno a salire e raggiungeranno probabilmente il grado di pericolo 2.  
Processo livello Zone interessate da a
Piogge 3 Versante sudalpino e regioni confinanti a nord, fra il Vallese e la Svizzera centrale 19.10.19, ore 00 22.10.19, ore 00
Piena 2 Maggia, Ticino 19.10.19, ore 11 22.10.19, ore 11
Piena 2 Lago Maggiore, Lago di Lugano 20.10.19, ore 11 25.10.19, ore 11

Meteo  (Aggiornato il: 20.10.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Una vasta area di bassa pressione si estende dal Mare del Nord fino alla Spagna. Davanti ad essa i forti venti sudoccidentali fanno affluire fino a martedì molta aria umida verso il pendio sudalpino, con il conseguente sviluppo di un'intensa situazione di sbarramento.

Dall’inizio dell’evento, in circa 36 ore a sud delle Alpi sono caduti 40-60 mm, con punte locali fino a 130 sull’alta Vallemaggia. Sulle altre regioni allertate i quantitativi sono stati generalmente inferiori ai 20 mm. Il limite delle nevicate, inizialmente verso 2300 metri, si è alzato fin verso 2700 m.

Previsioni

La fase più intensa delle precipitazioni è attesa fra domenica a mezzogiorno e lunedì sera; le piogge diminuiranno progressivamente nella notte sul martedì, per poi esaurirsi completamente martedì mattina.

Sul versante sudalpino sono attesi altri 100-150 mm di pioggia. Le precipitazioni saranno in parte a carattere temporalesco, con possibili accumuli locali maggiori, in particolare sulle regioni occidentali del Sopraceneri (Vallemaggia, Valle Verzasca e parte del Locarnese), dove il totale su tutto l’evento sarà compreso fra 200 e 280 mm. Sulla Valle Bedretto e l’Alta Leventina localmente si potranno totalizzare fino a 200 mm. Sulla regione del Sempione e sulle restanti regioni allertate a sud delle Alpi, sono previsti in totale 140-180 mm; fra l'Urserental, la Surselva superiore, il Rheinwald e la regione di Avers 100-140 mm, localmente fino a 160; per le altre regioni confinanti a nord della cresta alpina i quantitativi saranno inferiori, compresi fra 60 e 120 mm.

Il limite delle nevicate non scenderà probabilmente più al di sotto dei 2700 - 3000 m.

Le precipitazioni saranno accompagnate da forti venti da sudovest in quota, con raffiche di favonio nelle vallate nordalpine fra 70 e 100 km/h e fra 100 e 130 km/h in quota. Fra domenica pomeriggio e la notte su lunedì il sud delle Alpi sarà interessato da una fase di scirocco con raffiche fin verso 70 - 90 km/h a basse quote.

Scivolamenti  (Aggiornato il: 20.10.2019, ore 11:05)

Situazione attuale

I suoli in Ticino sono saturi a seguito delle piogge cadute negli scorsi giorni.

Previsioni

In Ticino sono attese altre abbondanti precipitazioni. Fino a martedì si prevedono di nuovo ben oltre 100 mm di pioggia, soprattutto nella parte occidentale del Cantone. Sono inoltre possibili anche brevi precipitazioni intense sotto forma di celle temporalesche. Durante o dopo i rovesci possono verificarsi localmente scoscendimenti e colate detritiche. Con quantità di pioggia analoghe, nelle regioni confinanti delle Alpi centrali, in particolare nella regione del Gottardo, possono anche verificarsi localmente movimenti di masse.

Corsi d'acqua e laghi  (Aggiornato il: 20.10.2019, ore 11:00)

Situazione attuale

Da sabato mattina si registrano livelli di corsi d’acqua e laghi in aumento, anche se si situano tuttora a un livello non critico.

Previsioni

Le precipitazioni continue previste fino a inizio settimana, combinate con un limite delle nevicate elevato causeranno un ulteriore aumento delle portate nelle regioni interessate. Portate superiori alla soglia del grado di pericolo 2 sono attese in particolare per la Maggia. Anche le portate del Ticino possono probabilmente aumentare fino alla soglia del grado di pericolo 2. La forcella e quindi l’incertezza delle previsioni rimangono pertanto elevate. I picchi di portata potrebbero essere raggiunti nel corso di lunedì. Le portate in entrata del Lago Maggiore e del Lago di Lugano ne causeranno un aumento marcato dei livelli. Secondo le previsioni attuali, i livelli dei laghi raggiungeranno il grado di pericolo 2 verso lunedì sera e continueranno in seguito a salire. Il livello in aumento del Lago di Lugano causerà anche un aumento della portata del fiume Tresa.

Stazione Livello di pericolo Massimo Periodo massimo
Lago Maggiore - Locarno 2 194.6 - 194.9 m s. l. m. 22.10.19, 12:00 - 23.10.19, 12:00
Lago di Lugano - Melide 2 270.90 - 271.10 m s. l. m. 22.10.19, 12:00 - 23.10.19, 12:00
Maggia-Locarno 2 800 - 1600 m³/s 21.10.19, 18:00 - 22.10.19, 06:00
Ticino-Bellinzona 2 700 - 1000 m³/s 21.10.19, 18:00 - 22.10.19, 06:00

Teaser