Navigazione

Collegamenti ipertestuali

selezionato

Contenuto

Livelli di pericolo valanghe

Le valanghe, uno dei principali pericoli naturali a cui è esposto l'arco alpino, possono colpire edifici, centri abitati e vie di comunicazione ma anche coloro che praticano sport invernali.

Le valanghe sono masse di neve che scivolano o cadono a valle e che vengono provocate dall'instabilità del manto nevoso. Anche se normalmente si distaccano sui pendii ripidi, vengono favorite anche da altri fattori come nevicate intense, vento forte o un netto aumento della temperatura. Le valanghe possono essere spontanee (quando si distaccano senza intervento dell'uomo) oppure provocate da persone. Il 90% delle vittime da valanga ha provocato personalmente il distacco della stessa. La sicurezza della popolazione nei centri abitati e lungo le vie di comunicazione viene garantita dalle autorità locali. Coloro che praticano sport invernali e che si muovono al di fuori delle zone protette, come piste da discesa o da fondo e sentieri invernali o simili, sono responsabili della propria sicurezza.

Livello di pericolo 5 (pericolo molto forte)
Probabilità di distacco Sono da aspettarsi molte grandi, e talvolta anche molto grandi valanghe spontanee, anche su terreno moderatamente ripido.
Vie di comunicazione e centri abitati Minaccia acuta. Estesi provvedimenti di sicurezza.
Sciatori fuori pista Condizioni molto sfavorevoli. Rinuncia raccomandata.
Stabilità del manto nevoso Il manto nevoso è in generale debolmente consolidato e per lo più instabile.
Livello di pericolo 4 (pericolo forte)
Probabilità di distacco Il distacco è probabile già con debole sovraccarico* su molti pendii ripidi. In alcune situazioni sono da aspettarsi molte valanghe spontanee di media grandezza, e talvolta anche grandi valanghe.
Vie di comunicazione e centri abitati Buona parte delle zone esposte sono minacciate. In queste zone sono raccomandati dei provvedimenti di sicurezza.
Sciatori fuori pista Condizioni sfavorevoli. È necessaria molta esperienza nel giudicare la situazione sul fronte valanghe. Limitarsi a zone moderatamente ripide / attenzione anche alle zone di deposito delle valanga.
Stabilità del manto nevoso Il manto nevoso è debolmente consolidato sulla maggior parte dei pendii ripidi**.
Livello di pericolo3 (pericolo marcato)
Probabilità di distacco Il distacco è possibile con un debole sovraccarico* soprattutto sui pendii ripidi indicati in bolletino. In alcune situazioni sono possibili alcuni valanghe spontanee di media grandezza e in singoli casi anche grandi valanghe.
Vie di comunicazione e centri abitati Singole zone esposte sono minacciate. In queste zone sono raccomandati a seconda delle circostanze provvedimenti di sicurezza.
Sciatori fuori pista Condizioni in parte sfavorevoli. È necessaria esperienza nel giudicare la situazione sul fronte valanghe. Pendii ripidi di quota ed esposizioni indicate sono da evitare il più possibile.
Stabilità del manto nevoso Il manto nevoso presenta un consolidamento su molti pendii ripidi** da moderato a debole.
Livello di pericolo 2 (pericolo moderato)
Probabilità di distacco Il distacco è possibile soprattutto con un forte sovraccarico* sui pendii ripidi indicati in bolletino. Non sono da aspettarsi grandi valanghe spontanee.
Vie di comunicazione e centri abitati Minaccia da parte di valanghe spontanee poco probabile.
Sciatori fuori pista Condizioni in buona parte favorevoli. Prudente scelta dell’itinerario, soprattutto sui pendii ripidi di quota e delle esposizioni indicate.
Stabilità del manto nevoso Il manto nevoso è moderatamente consolidato su alcuni pendii ripidi**, per il resto è ben consolidato.
Livello di pericolo 1 (pericolo debole)
Probabilità di distacco Il distacco è generalmente possibile soltanto con un forte sovraccarico* su isolati punti sul terreno ripido estremo. Sono possibili solo scaricamenti e piccole valanghe spontanee.
Vie di comunicazione e centri abitati Nessuna minaccia.
 
Sciatori fuori pista Condizioni in generale sicure.
Stabilità del manto nevoso Il manto nevoso è in generale ben consolidato e stabile.
Definizioni:

* Sovraccarico:

  • forte (ad es. gruppo compatto di sciatori, mezzo battipista, uso di esplosivo)
  • ebole (ad. es. singolo sciatore, escursionista con racchette da neve)
  • spontaneo: senza l’intervento dell’uomo
** Nel bollettino valanghe vengono generalmente descritti in modo più dettagliato (quote, esposizione, forma del terreno)
  • Esposizione: punto cardinale, verso il quale è rivolto un pendio
  • esposto: in questo caso significa: particolarmente esposto al pericolo
  • Terreno moderatamente ripido: pendii con inclinazione inferiore ai 30 gradi circa
  • Pendii ripidi: pendii con inclinazione superiore ai 30 gradi circa
  • Terreno ripido estremo: pendii con caratteristiche sfavorevoli per quel che concerne l’inclinazione (in gran parte con inclinazione superiore a ca. 40 gradi), la forma del terreno, la vicinanza alle creste e la rugosità del suolo.

Teaser